STATUTO

Lo statuto della Fondazione Gabriella Ferriccioni


Allegato “A” al n.ro 37,131 ATTI CONSERVATI
STATUTO

Art. 1) E’ costituita per volontà del signor Ferriccioni Secondo, in memoria della signora Ferriccioni Gabriella, una Fondazione denominata:
“FONDAZIONE GABRIELLA FERRICCIONI”
La Fondazione ha sede in San Ginesio (MC), Località Campanelle n. 40.

ART. 2) E’ scopo della Fondazione l’attuazione di iniziative del più alto interesse sociale, quali l’assistenza alle persone disagiate, la protezione sotto il profilo fisico e morale dell’infanzia comunque abbandonata o priva di assistenza; lo sviluppo dell’istruzione e della cultura negli strati meno elevati della popolazione; promozione dell’arte.
In particolare la Fondazione curerà:

  • la realizzazione di mini appartamenti nei comuni di San Ginesio, Tolentino e Pollenza da destinare ad alloggi temporanei ad a titolo gratuito per persone senza tetto;
  • la realizzazione di un’ala nel cimitero centrale di San Ginesio ove deporre le bare dei defunti ora abbandonate in strutture fatiscenti.

ART. 3) Il patrimonio della Fondazione è costituito dal bene immobile descritto nell’atto costitutivo della fondazione del quale il presente statuto è parte integrante.
Tale patrimonio potrà venire aumentato e alimentato con oblazioni, donazioni, legati, ed erogazioni di quanti abbiano desiderio ed amore di potenziamento della benefica istituzione.
La Fondazione provvede al conseguimento dei suoi scopi con le rendite del suo patrimonio.
Il Consiglio di Amministrazione provvederà all’investimento del denaro che perverrà alla Fondazione nel modo che riterrà più sicuro e redditizio.

ART. 4) La Fondazione è retta da un Consiglio di Amministrazione e da un Comitato Direttivo.

ART. 5) Sono membri del Consiglio di Amministrazione:
Ferriccioni Secondo,
Ciabocco Francesco, nato in Ancona il 10 novembre 1981
Ciabocco Alessandro, nato a San Severino Marche il 3 maggio 1983
Ciabocco Elena, nata a San Severino Marche il 25 novembre 1986
Ciabocco Federico, nato a San Ginesio il 16 agosto 1947
Ciabocco Mabel, nata a Montecassiano l’8 aprile 1970
Annessi Antonio, nato a Fermo l’8 novembre 1970

ART. 6) Il Consiglio di Amministrazione elegge nel proprio seno il Presidente che dura in carica tre anni e può essere confermato.
La carica di Presidente spetterà di diritto, vita sua durante, al fondatore signor Ferriccioni Secondo il quale potrà in ogni momento rinunciarvi.

ART. 7) Il Comitato direttivo è composto di tre membri e precisamente dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e da due membri eletti dal Consiglio di amministrazione fra i suoi componenti.

ART. 8) Il Comitato è presieduto di diritto dal Presidente del Consiglio di Amministrazione ed in sua assenza dal componente più anziano.

ART. 9) Al Consiglio di Amministrazione spetta:
a) di nominare i membri del Comitato Direttivo;
b) di approvare entro il mese di dicembre il conto preventivo dell’anno seguente ed entro il mese di febbraio il conto consuntivo dell’anno precedente;
c) di provvedere sugli affare che gli siano sottoposti dal Comitato Direttivo.

ART. 10) Il Comitato direttivo ha tutti gli altri poteri per l’amministrazione del patrimonio della Fondazione e per la gestione delle entrate ordinarie e straordinarie nonché per la ripartizione delle dette rendite annuali fra le diverse istituzioni o sezioni attraverso le quali la Fondazione perseguirà gli scopi sociali.

ART. 11) Il presidente ha la rappresentanza legale della Fondazione di fronte ai terzi ed in giudizio.
Inoltre il Presidente:
convoca il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Direttivo e li presiede proponendo le materie da trattare nelle rispettive adunanze;
firma gli atti e quanto occorra per l’esplicazione dei tutti gli affari che vengono deliberati;
sorveglia il buon andamento amministrativo della Fondazione;
cura l’osservanza dello statuto e ne promuove la riforma qualora si renda necessario;
provvede alla esecuzione delle deliberazioni del Consiglio e ai rapporti con le autorità tutorie;
adotta in caso di urgenza ogni provvedimento opportuno riferendo nel più breve tempo al Comitato.
In caso di mancanza o di impedimento del Presidente ne fa le veci il membro del Comitato più anziano di età.

ART. 12) Il Consiglio di amministrazione si raduna di norma in seduta ordinaria due volte all’anno e straordinariamente ogni qualvolta il presidente lo giudichi necessario o ne sia fatta richiesta scritta da due dei suoi membri.
La convocazione è fatta dal Presidente con invito scritto diramato almeno otto giorni prima, con l’indicazione dell’ordine del giorno da trattare.

ART. 13) Le adunanze del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Direttivo sono valide se è presente la maggioranza dei membri che li che li compongono.
Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta, a votazione palese.
In caso di parità di voti prevale il voto del Presidente.

ART. 14) I verbali delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Direttivo devono essere trascritti in ordine cronologico su apposito registro e devono essere sottoscritti dal Presidente e dal Segretario.

ART. 15) Il segretario del Consiglio viene nominato dal Consiglio stesso, il quale provvede pure a determinarne i compiti e la retribuzione.

ART. 16) I componenti il Consiglio di Amministrazione non percepiscono alcun compenso per l’attività svolta, salvo il rimborso delle eventuali spese sostenute per ragione dell’ufficio e salvo che alcuno di essi sia chiamato alla carica di Segretario.

ART. 17) L’esercizio finanziario della Fondazione ha inizio a il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

F.TI: FERRICCIONI SECONO, BALDASSARRI ADRIANA TESTE, SPADONCELLI MARIA LUISA TESTE, DR. CLAUDIO ALESSANDRINI CALISTI, NOTAIO.